"Esserci": Equo, Solidale, Sociale, Etnico. Realistico, Culturale, IstituzionaleEsserci: Equo, Solidale, Sociale, Etnico. Realistico, Culturale, Istituzionale. Nasce per il sociale, diffonde principi di cultura istituzionale, di sicurezza e legalità, cresce per un futuro di comprensione e tolleranza globale.

 

Esserci ] Normativa ] Emergenze e Servizi ] Sicurezza ] Articoli e contributi ] Associazioni ] Previsioni Meteo ]

[emergenze e servizi] [112] [113] [114] [115] [117] [118] [1515] [1518] [1522] [1530]

Esserci

Siti istituzionali

Associazioni ed Ordini Professionali

Partiti italiani

Sindacati

Copyright e note legali

Esserci
Normativa
Emergenze e Servizi
Sicurezza
Articoli e contributi
Associazioni
Previsioni Meteo

Network:

Esserci

Correre nel Verde

Correrenelverdeonline

Corverde

Ideale Sociale

In Mente

Italian Global Project

Cnvnews

Cnvpress

Mediawebnews

Correrenelverde.org

Correrenelverde.net

Link esterni

Scarica gratis la nostra rivista

Rivista 2009

Rivista 2008

Rivista 2007

Rivista 2006

Passeggini, carrozzine, culle, seggioloni, seggiolini auto e lettini, tutto per la prima infanzia su NewBabyLand.com


 

 

ESSERCI

"Esserci"

Un po’ di storia…

Esserci è l’acronimo di: Equo, Solidale, Sociale, Etnico. Realistico, Culturale, Istituzionale. Parole, o meglio, concetti ricorrenti non solo nella nostra redazione ma nel numeroso gruppo di amici che ci sostengono idealmente e culturalmente con la loro vicinanza, i loro consigli, la loro opera quotidiana di diffusione dei concetti sopradescritti. "Esserci" è la logica trasformazione di "Equo & Solidale by Correre nel verde", progetto che si è svolto in stretta attinenza al suo titolo. Aveva in più una vigile attenzione al mondo istituzionale. Istituzionale è la parola magica per la base di qualsiasi progetto democratico di un paese (speriamo che un giorno il "paese" sia il mondo intero, per ora ci adoperiamo per il "paese" Europa e di conseguenza della nostra Italia) soprattutto se lo si vuole modificare o implementare oppure se lo si vuole cambiare. Solo la regola certa garantisce stabilità, cambiamento e possibilità di trasformazione.

www.correrenelverde.org "nasce" il 13 marzo 2001, tanto cuore, moltissime idee e pochi mezzi, si taglia e si riversa parte del contenuto del sito esistente nel nuovo contenitore, poi, nel giro di pochi mesi si diversifica lo stile e si differenziano completamente i contenuti eliminano ed aggiungendo centinaia di pagine. Il risultato finale di questo progetto arriva nel 2002 con il risultato di affiancare agli altri nostri siti una nuova voce che sostiene l’associazionismo e le onlus coinvolgendo migliaia di utenti interessati al concetto di "assistenza gratuita" e a quello di "solidarietà". Dunque www.correrenelverde.org, chiamato allora brevemente in redazione punto org, è indicizzato nel web come "equo e solidale" e talvolta, più correttamente "Equo & Solidale by Correre nel verde, quando i suoi contenuti iniziano ad abbracciare tutto il mondo sociale, tracce di normative e riferimenti politici, sindacali ed istituzionali. Poi l’ultimo passo: diventa, alla metà del 2005: "ESSERCI", acronimo forse banale ma sicuramente attinente sia al significato grammaticale dell’acronimo stesso (ed è per questo che le lettere non sono separate da punti) perché vogliamo "essere" presenti sia nei campi specifici sia in quelli attinenti alla tematiche richiamate che, come già scritto, sono: Equo, Solidale, Sociale, Etnico, Realistico, Culturale, Istituzionale.

- Equo: perché è l’unica forma che rende i rapporti tra soggetti, siano questi nazioni o persone, possibili e sostenibili.

- Solidale: perché mai deve mancare la solidarietà soprattutto nei confronti dei soggetti più deboli. Il "soprattutto" serve per rafforzare il concetto di "solidarietà globale", assai diverso dal nobilissimi concetti di "carità", "sopportazione", "sacrificio", "abnegazione", sicuramente doveri sociali ma, fortunatamente per loro stessa natura, non coinvolgenti l'intera umanità come invece noi crediamo sia missione principale del concetto di solidarietà.

- Sociale: perché solo nella società è possibile lo sviluppo civile e democratico e più il "sociale" diventa la parola che comprende: assistenza, aiuto, conforto, consiglio, attività benefica, esaltazione del "no profit", cancellazione del debito, più si crea e immediatamente si sostiene il processo di pace, di giustizia di solidarietà globale.

- Etnico: perché non crediamo all’uniformità e alla massificazione, a due bevande e tre cibi uguali per tutti i popoli della terra che vedono la stessa TV e lo stesso cinema, stessi dieci libri l’anno dei soliti autori, unico grande quotidiano, centomila siti web tutti con accattivanti grafiche diverse ma dall’identico contenuto. Siamo convinti della bellezza delle grandi orchestre dove persino i cinquanta violini hanno armoniche diverse, figuriamoci come e quanto vogliamo godere della differenza del suono della tromba da quello dei timpani.

Amiamo e vogliamo la ricchezza del diverso dei mille odori, dei mille sapori, dei mille colori composti ognuno da infinite sfumature.

- Realistico: perché è fondamentale rimanere con i piedi per terra e, talvolta, fare scelte dolorose. Siamo schiavi del tempo che fugge veloce e sappiamo bene che la nostra vita terrena non è così lunga da permetterci di fare tutto e sappiamo anche che l’errore è dietro l’angolo pronto a coglierci. Bisogna lavorare per evitarlo, ognuno deve scegliere i campi ove operare, sviluppare i progetti giusti, dare fra questi una priorità, sicuri solo di una cosa: che il "non fare" è peggio dell’errore involontario e commesso in buona fede.

- Culturale: perché di questa parola, infinita e onnicomprensiva, qui si vuole cogliere l’aspetto sociale ed educativo, si tratti dell’educazione della prima infanzia, di corsi creativi per adulti o delle università per la terza età.

- Istituzionale: perché solo da leggi certe, da sistemi di "potere" controllabili, rimovibili e destituibili si può avere certezza di regole uguali per tutti che sono il fondamento di una società giusta.

Dimenticavamo, all’acronimo manca per motivi tecnici la lettera più importante: si tratta di una altra I che sta per Indipendente … ma ora lo sapete!

Giorgio Gandini


 


 

 

 

 

 

 

emergenze e servizi
112
113
114
115
117
118
1515
1518
1522
1530