"Esserci": Equo, Solidale, Sociale, Etnico. Realistico, Culturale, IstituzionaleEsserci: Equo, Solidale, Sociale, Etnico. Realistico, Culturale, Istituzionale. Nasce per il sociale, diffonde principi di cultura istituzionale, di sicurezza e legalità, cresce per un futuro di comprensione e tolleranza globale.

 

Esserci ] Normativa ] Emergenze e Servizi ] Sicurezza ] Articoli e contributi ] Associazioni ] Previsioni Meteo ]

[emergenze e servizi] [112] [113] [114] [115] [117] [118] [1515] [1518] [1522] [1530]

Esserci

Siti istituzionali

Associazioni ed Ordini Professionali

Partiti italiani

Sindacati

Copyright e note legali

Esserci
Normativa
Emergenze e Servizi
Sicurezza
Articoli e contributi
Associazioni
Previsioni Meteo

Network:

Esserci

Correre nel Verde

Correrenelverdeonline

Corverde

Ideale Sociale

In Mente

Italian Global Project

Cnvnews

Cnvpress

Mediawebnews

Correrenelverde.org

Correrenelverde.net

Link esterni

Scarica gratis la nostra rivista

Rivista 2009

Rivista 2008

Rivista 2007

Rivista 2006

Passeggini, carrozzine, culle, seggioloni, seggiolini auto e lettini, tutto per la prima infanzia su NewBabyLand.com


 

 

ESSERCI

emergenze e servizi

114

emergenza infanzia - telefono azzurro

Il Servizio Emergenza Infanzia 114 è una linea telefonica di emergenza accessibile gratuitamente da telefonia fissa 24 ore su 24 da parte di chiunque intenda segnalare situazioni di emergenza in cui la salute psico-fisica di bambini o adolescenti è in pericolo o in cui il bambino o l’adolescente sono a rischio di trauma.

Con la telefonata si chiede un intervento immediato di tutela attraverso il coinvolgimento di specifici Servizi e Istituzioni del territorio.

Attraverso il Servizio Emergenza Infanzia 114 è anche possibile segnalare situazioni di disagio derivanti da immagini messaggi e dialoghi diffusi attraverso televisione, radio, carta stampata e internet.

Componendo il 114 risponde un operatore che accoglie la segnalazione, valuta l’emergenza e a seconda del caso attiva immediatamente i servizi del territorio con i quali concorda il percorso dell’intervento non solo in emergenza ma anche la successiva presa in carico.

Le situazioni di pericolo possono essere riferite a queste tipologie di casi:

     Gravi abusi: casi di abuso sessuale, percosse, gravi stati di trascuratezza e abbandono di minore che si verifichino sia all’interno che all’esterno del contesto familiare.

     Atti autolesivi: tentativi di suicidio, fughe da casa, assunzione di sostanze stupefacenti ed alcoliche, abuso di farmaci.

     Eventi catastrofici: terremoti, alluvioni, incidenti di mezzi di trasporto, rapine, sequestri, ecc. che coinvolgano bambini o adolescenti e che possano minacciarne la salute psichica (choc emotivo, amnesia o altri sintomi).

     Comportamenti devianti: casi in cui un bambino e un adolescente sono coinvolti come "attori" di fronte ad un reato, in genere furto, spaccio di stupefacenti, atti vandalici, bullismo e gravi aggressioni.

 Gli operatori del 114 valutano il grado di emergenza delle richieste pervenute dalla situazione descritta dall’utente:

    ·1 Posizione del minore;

    ·2 Contingenza della situazione, pericolo immediato, alto rischio per l’incolumità psico-fisica
     del minore coinvolto, alta probabilità che la situazione problematica si ripeta a breve termine,
     minaccia di acting-out ( es. fuga, suicidio, ecc.).

Il modello di risposta è costruito su quattro livelli

1. 

Front Line: l’accoglienza e il filtro

   - Accoglienza della chiamate
   - Apertura e compilazione di una scheda informativa
   - Valutazione e filtro:
     1) Gestione di richieste di informazioni, reclami, segnalazioni Internet e media;
     2) Nel caso di emergenza passaggio alla back line.

2. 

Back Line: gestione del caso e attivazione della rete

   - Ascolto della problematica e valutazione dell’emergenza
   - Messa in rete del caso attraverso il contatto con le Agenzie territoriali
   - Follow up del caso

3.

Specialisti: consulenza/supervisione nella gestione del caso

Il corretto funzionamento della struttura è garantito comunque da una èquipe multidisciplinare di supporto all'attività degli operatori, costituita da diverse figure tecniche e professionali quali consulenti legali, consulenti sui temi dell'emergenza, psicologi giuridici, esperti di multiculturalità, ecc.

Questo modello di "rete" prevede la stretta collaborazione di tutte le agenzie locali nella gestione dell’emergenza. 

4. 

Le Istituzioni e Servizi con cui il 114 collabora

Forze dell’ordine e di Pubblica Sicurezza (Uffici Territoriali del Governo; Polizia; Carabinieri; Municipale; ecc.)
Soccorso sanitario (118; Pronto Soccorso; Guardia medica)
Procure presso i Tribunali (ordinaria e minorile)
Servizi socio-sanitari della ASL (Neuropsichiatria Infantile, consultorio familiare; etc.) o del Comune
Enti Locali
Tribunali (per i Minorenni e/o Ordinario)
Centri di Giustizia Minorile, etc. (Ufficio Servizi Sociali per i Minorenni, Centro di Prima Accoglienza, Istituto Penale Minorile)
Protezione Civile
Centri di Accoglienza (Comunità, Case Famiglia, etc.) 

Dopo una prima fase sperimentale di sei mesi nei Comuni di Milano e Palermo e nella Provincia di Treviso, nel 2003 la Commissione interministeriale dei Ministeri delle Comunicazioni, del Lavoro e delle Politiche Sociali, delle Pari Opportunità ha assegnato a Telefono Azzurro la gestione del Servizio.

Telefono Azzurro si è assunto il compito di estendere progressivamente il Servizio a tutto il territorio nazionale, per un periodo di tre anni con proroga successiva a due anni. Le prime Regioni in cui è stato attivato il 114 sono state la Lombardia, il Veneto e la Sicilia, seguirà l’estensione su tutto il territorio nazionale entro la fine del 2005.


 


 

 

 

 

 

 

 

 

emergenze e servizi
112
113
114
115
117
118
1515
1518
1522
1530